SIPBC
Società Italiana per la Protezione
dei Beni culturali
onlus

 The Disasters of War / I disastri della guerra
Why save the culture / Perché salvare la cultura

Convegno Internazionale di Studi, Tortona, 23-24 settembre 2022
International Conference, Tortona (Italy), September 23-24, 2022

Oggi il patrimonio culturale di moltissimi Paesi corre gravi rischi, per incuria, per rischi ambientali, per catastrofi naturali, per azioni di guerra o di terrorismo, come i terribili episodi dovuti a ISIS in Siria e gli ancora più recenti disastri durante la guerra in corso in Ucraina dimostrano. Una semplice ricerca su Google con le parole chiave ‘risk/danger cultural heritage’ produce più di 48 milioni di risultati. Un terzo dei siti naturali patrimonio dell’umanità è in pericolo, secondo una stima dello Smithsonian Institute.

 

Today the cultural heritage of many countries runs serious risks, due to neglect, environmental risks, natural disasters, war or terrorist actions, such as the terrible episodes due to ISIS in Syria and the even more recent disasters during the ongoing war in Ukraine they demonstrate. A simple Google search with the keywords ‘risk / danger cultural heritage’ produces more than 48 million results. A third of natural heritage sites are endangered, according to an estimate by the Smithsonian Institute.

 

Il convegno internazionale di studi, The Disasters of War / I disastri della guerra – Why save the culture / Perché salvare la cultura, ideato e promosso dalla SIPBC Società Italiana per la Protezione dei Beni Culturali, in collaborazione con l’Università di Bologna, si propone di fare il punto sulla situazione mondiale e di proporre soluzioni innovative per la salvaguardia preventiva del patrimonio culturale universale, storico, artistico, archeologico e monumentale.

 

The international study conference, The Disasters of War – Why save the culture, conceived and promoted by the SIPBC Italian Society for the Protection of Cultural Heritage, in collaboration with the University of Bologna, proposes to take stock of the world situation and to propose innovative solutions for the preventive safeguarding of the universal, historical, artistic, archaeological and monumental cultural heritage.

 

Numerosi saranno i relatori di prestigio internazionale in rappresentanza delle maggiori istituzioni, organismi e ONG che operano nel settore. Si parlerà di prevenzione del rischio, di gestione della sicurezza, della distruzione dei siti archeologici e dei monumenti in Siria, in Iraq, in Ucraina e in Africa, di terrorismo, di traffico illecito di manufatti archeologici e di opere d’arte e di dialogo interculturale.

 

There will be numerous speakers of international prestige representing the major institutions, organizations and NGOs operating in the sector. We will talk about risk prevention, security management, the destruction of archaeological sites and monuments in Syria, Iraq, Ukraine and Africa, terrorism, illicit trafficking in archaeological artefacts and works of art and intercultural dialogue.

 

Il convegno risponde, in particolare, ai tre obiettivi principali stabiliti dal Consiglio e dal Parlamento europeo già in occasione dell’anno europeo della cultura 2018:

  • promuovere la diversità culturale, il dialogo interculturale e la coesione sociale,
  • evidenziare il contributo economico offerto dal patrimonio culturale ai settori culturale e creativo, compreso per le piccole e medie imprese, e allo sviluppo locale e regionale,
  • sottolineare il ruolo del patrimonio culturale nelle relazioni esterne dell’UE, inclusa la prevenzione dei conflitti, la riconciliazione postbellica e la ricostruzione del patrimonio culturale distrutto.

 

The conference responds, in particular, to the three main objectives established by the Council and the European Parliament already on the occasion of the European Year of Culture 2018:

  • promote cultural diversity, intercultural dialogue and social cohesion,
  • highlight the economic contribution made by cultural heritage to the cultural and creative sectors, including for small and medium-sized enterprises, and to local and regional development,
  • emphasize the role of cultural heritage in the EU’s external relations, including conflict prevention, post-conflict reconciliation and the reconstruction of destroyed cultural heritage.

 

Lo scopo principale del convegno è mostrare come – grazie alle nuove tecnologie informatiche per la sicurezza ed il monitoraggio a distanza- l’analisi della vulnerabilità del sito culturale ci permetta di evidenziare e stimare quantitativamente i fattori che determinano i possibili rischi a cui può essere sottoposto e, di conseguenza, di proporre un piano che fornisca linee guida e suggerimenti per le azioni preventive volte a mitigare le operazioni da effettuare in tempo di crisi e quelle relative alla gestione della situazione post-emergenza/pace, prima ancora che in situazioni d’emergenza.

 

The main purpose of the conference is to show how – thanks to new information technologies for security and remote monitoring – the analysis of the vulnerability of the cultural site allows us to highlight and quantitatively estimate the factors that determine the possible risks to which it can be subjected. and, consequently, to propose a plan that provides guidelines and suggestions for preventive actions aimed at mitigating the operations to be carried out in times of crisis and those relating to the management of the post-emergency / peace situation, even before in situations of emergency.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per seguire i lavori del convegno in diretta su internet:

https://attendee.gotowebinar.com/register/3806621830379207184